skip to Main Content

Lunedì - Venerdì

9.00 – 12.30
14.00 – 20.00

Prenotazioni

TECARTERAPIA CHIVASSO

Tecarterapia: funzionamento e benefici

La Tecarterapia, o Tecar, è un trattamento elettromedicale non invasivo, eseguito dal fisioterapista, aiuta a velocizzare la guarigione.
È utile nel trattamento di patologie traumatologiche, infiammatorie, osteoarticolari e dei tessuti molli dell’apparato muscolo-scheletrico, con risultati immediati e stabili.

Trova particolare impiego nella cura di traumi e patologie infiammatorie dell’apparato muscolo-scheletrico.
Si tratta di una tecnologia brevettata e innovativa che sfrutta una radiofrequenza a bassa intensità veicolata attraverso due tipi di elettrodi (il Capacitivo e il Resistivo), utilizzati in base ai tessuti che si vogliono trattare. L’efficacia del trattamento, che agisce in maniera non invasiva, si fonda sul trasferimento di energia biocompatibile ai tessuti lesi: mediante l’ipertermia (aumento della temperatura interna) e l’innalzamento del potenziale energetico delle cellule, la tecar stimola e rafforza le capacità riparative dei tessuti, grazie all’aumento della microcircolazione e alla vasodilatazione, con risultati immediati e stabili.

Il vantaggio è quello di permettere la regolazione dell’intensità delle frequenze, in modo da controllare la profondità di azione e agire direttamente e precisamente sulla parte di tessuti lesionati o infiammati.

All’inizio la Tecarterapia veniva destinata esclusivamente agli sportivi, oggi ne possono beneficiare tutti, anche le persone anziane con problemi di artrosi.

 

A cosa serve la Tecarterapia

La tecarterapia nasce nel settore medico dello sport professionistico per rispondere all’esigenza di rimettere in forma gli atleti in temi rapidi e con risultati ottimali. Il suo effetto biostimolante, antalgico, antinfiammatorio, antiedema e decontratturante trova un efficace impiego nelle terapie riabilitative per il recupero di distorsioni, lesioni tendinee, borsiti, traumi ossei e legamentosi, distrazioni osteoarticolari acute e recidivanti, artralgie croniche. Oggi, questo trattamento fisioterapico è utilizzato in diversi ambiti della medicina: ortopedia, reumatologia, medicina dello sport, terapia del dolore, medicina vascolare oltre ad essere estremamente utile nella riabilitazione post-chirurgica e contro l’osteoporosi. Obiettivo del procedimento è accelerare la naturale riparazione del danno tissutale, riducendo di conseguenza i tempi di recupero e diminuendo sia l’infiammazione sia il dolore accusato dal paziente.

I benefici della Tecarterapia

La Tecar può essere utilizzata per molte diverse patologie e può portare ottimi risultati già dopo poche sedute.  

Principali benefici:

  • riduce il dolore
  • migliora la circolazione sanguigna superficiale e profonda
  • migliora la rigenerazione dei tessuti
  • stimola il drenaggio venoso e linfatico
  • influisce sul ripristino dell’attività equilibrio metabolico

Questa terapia può essere utilizzata in caso di:

  • Lesioni:
    – muscolari (contusioni, elongazioni, stiramenti e strappi)
    – ai tendini (rotture, tendiniti, tendinosi)
    – ai legamenti
  • Problematiche articolari (condropatie, artrosi, artriti)
  • Traumi (Distorsioni, contusioni, fratture)
  • Edemi ed ematomi
  • Borsiti ed infiammazioni dei tessuti molli
  • Patologie del rachide (Cervicalgie, Lombalgie e lombo-sciatalgie)
  • Lesioni del menisco
  • Pubalgia
  • Fascite plantare
  • Sindrome femoro-rotulea
  • Sindrome da conflitto della spalla
  • Riabilitazione post-operatoria

Solamente a seguito di una diagnosi corretta, il fisioterapista potrà stabilire un piano d’azione terapeutico appropriato per la specifica esigenza. Il numero delle sedute, la durata e il tipo di intervento dell’operatore sarà diverso a seconda della problematica da trattare 

La Tecarterapia è un trattamento sicuro, non invasivo e adatto a tutti in quanto  non presenta particolari controindicazioni. È controindicata in caso di:

  • soggetti portatori  di pacemaker e di dispenser elettronici di farmaci
  • donne in gravidanza
  • individui insensibili alla temperatura
  • soggetti affetti da neoplasie maligne 
  • soggetti affetti da arteriopatie scompensate

Gli effetti collaterali sono un’eventualità rara. La scelta del centro medico e del fisioterapista è fondamentale per evitarli. Tra questi ci sono:

  • ustioni: bisogna essere in grado di gestire perfettamente l’energia che si sviluppa;
  • gonfiore nelle ore che seguono il trattamento per il drenaggio linfatico;
  • aumento del dolore della zona trattata, soprattutto quando si trattano articolazioni ampie e complesse, come la spalla.

Prenota una visita

    Il sottoscritto, presa visione dell’informativa privacy di cui all’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e della privacy policy di GeneaBiomed S.r.l. riportata su questo sito, ai sensi dell’articolo 9 del citato Regolamento, acconsente al trattamento ed alla comunicazione ai soggetti ivi indicati dei propri dati

    Back To Top