skip to Main Content

Lunedì - Venerdì

9.00 – 12.30
14.00 – 20.00

Prenotazioni

ANEMIA DA CARENZA DI FERRO

Anemia da carenza di ferro: quali sono gli alimenti consigliati

L’anemia sideropenica si manifesta con l’abbassamento dei valori di emoglobina nel sangue. È la forma di anemia più comune ed è causata da carenza di ferro. Può interessare sia uomini sia donne di ogni età, con un aumento dell’incidenza nei bambini, negli adolescenti e nelle donne in età fertile (quando il ciclo mestruale è abbondante o in gravidanza o durante l’allattamento del neonato).

Il ferro è un minerale necessario  ad ogni età per il benessere del nostro organismo e fondamentale per i processi metabolici. La sua funzione primaria è far parte dell’emoglobina, la proteina presente all’interno dei globuli rossi la quale trasporta l’ossigeno in tutto il corpo. Quando il ferro è carente, l’emoglobina si riduce e quindi anche la quantità di ossigeno trasportato diminuisce, si alterano numerose reazioni enzimatiche che si ripercuotono a livello del sistema immunitario, del sistema di termoregolazione e cerebrale.

Problematiche di assorbimento e un’alimentazione errata possono portare all’anemia da carenza di ferro.

Che cosa è l’anemia da carenza di ferro?

L’ossigeno è un elemento vitale per il benessere del nostro organismo e per la salute degli organi, dei muscoli e dei tessuti. E’ trasportato nel sangue da una proteina, l’emoglobina. Una sua diminuzione, perché non vi è un livello sufficiente di ferro per produrne una quantità adeguata, determina l’anemia da carenza di ferro.

I sintomi dell’anemia da carenza di ferro sono principalmente:

  • astenia, ossia una stanchezza e debolezza molto forte e generalizzata
  • mancanza di respiro
  • tachicardia
  • pallore
  • mal di testa
  • capogiri
  • insonnia
  • irritabilità 
  • freddo alle estremità degli arti e formicolio alle gambe 
  • fragilità delle unghie 
  • perdita di capelli

Per la diagnosi è necessario eseguire gli esami del sangue per misurare la concentrazione di emoglobina e ferritina. Il primo rimedio da mettere in atto è incrementare il consumo di alimenti che contengono ferro.

 

Quali sono le cause dell’anemia da carenza di ferro

I livelli di ferro possono ridursi ed essere più bassi della norma per svariate cause:

  • la gravidanza e l’allattamento, perché, durante lo sviluppo del feto e l’ alimentazione del neonato, la donna necessita di un apporto maggiore di ferro.
  • emorragie, sia esterne sia interne (non visibili). Un’eventualità tipica di alcune patologie, (ernia iatale, tumori, ulcera peptica, o polipo del colon retto) ma anche di condizioni fisiologiche (ciclo mestruale abbondante).
  • patologie intestinali croniche che interferiscono con il metabolismo ( la malattia di Crohn, la colite ulcerosa o la celiachia) e, analogamente, quegli interventi chirurgici per cui sono state asportate sezioni dell’intestino o sono stati effettuati bypass intestinali.
  • una dieta poco equilibrata in cui non sono presenti alimenti che garantiscono un adeguato apporto di ferro (sulla dieta si può intervenire direttamente tramite le scelte alimentari).

 

Ferro basso: cosa mangiare

Esistono due tipi di ferro contenuti negli alimenti: 

  • ferro eme (ferro emico), si trova negli alimenti di origine animale,  viene assorbito molto velocemente dall’organismo e in quantità elevate
  • ferro non-eme (ferro non emico), si trova nei vegetali e legumi, viene assorbito soltanto per il 10%

Gli alimenti ricchi di ferro emico sono:

  • fegato (che infatti viene spesso dato ai bambini) e le frattaglie
  • carni bovine, di maiale, di agnello, di cavallo, di pollo, di tacchino e di faraona. Nota bene: una dieta ricca di carni rosse può comportare un aumento del colesterolo e costituire un fattore di rischio per diverse patologie e va quindi seguita sono controllo dello specialista dietologo.
  • pesce (trota, tonno, baccalà, acciughe e sarde)
  • crostacei, i molluschi

Gli alimenti ricchi di ferro non emico sono:

  • verdure a foglia verde (lattuga, rucola, spinaci, bietola )
  • frutta secca  (noci e nocciole, mandorle e pistacchi) 
  • legumi (fagioli, le lenticchie, i ceci, i lupini) 
  • tofu

Nota bene:

  • per aumentare l’assorbimento del ferro non emico aggiungere ai vegetali e legumi un contorno di verdure ricche di vitamina C (pomodori, peperoni, cavoli e broccoli), bere acqua con limone, o terminare i pasti con agrumi, kiwi, ribes e uva.
  • al fine di non ostacolare l’assorbimento di ferro, durante i pasti limitare l’assunzione di alcuni alimenti, specie in chi soffre di anemia sideropenica, come i latticini, il caffè, il tè e il cioccolato.

Per chi soffre di anemia sideropenica o ha sintomi riferibili ad anemia da carenza di ferro, è raccomandato rivolgersi al medico per monitorare i livelli di sideremia e al nutrizionista per verificare l’opportunità di una dieta che eviti squilibri.

Prenota una visita

    Il sottoscritto, presa visione dell’informativa privacy di cui all’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679 e della privacy policy di GeneaBiomed S.r.l. riportata su questo sito, ai sensi dell’articolo 9 del citato Regolamento, acconsente al trattamento ed alla comunicazione ai soggetti ivi indicati dei propri dati

    Back To Top